Bio

Italiano

Roberto Conz (Mogadiscio, 1955) dopo gli studi di chitarra classica con Paolo Paolini, e liuto rinascimentale e barocco con Paul Beyer, Jakob Lindberg e Paul O’Dette, si avvicina alla composizione prima con Renato Dionisi, poi con Nicola Straffelini e frequentando le masterclass di Sandro Gorli e Gianvincenzo Cresta. All’interesse per la musica si è affiancato negli anni anche un lungo percorso di ricerca visiva con esposizioni in Italia (Napoli, Biennale di Venezia, Mart) e all’estero (Bratislava, Miami). Tra le sue pubblicazioni i volumi fotografici CNZRRT55DO9Z345Y (2000), TRA (2002), Mirame (2004), In tua assenza (2006) e, più recentemente, il saggio Vortex Temporum (2019). Per l’etichetta discografica A Simple Lunch ha pubblicato In tua assenza (8 variazioni stocastiche per pianoforte sulle Variazioni Goldberg di J. S. Bach) e Lessico di Hiroshima (per pianoforte, archi, elettronics e voce recitante, su testo di Paolo Miorandi).

 

English

Roberto Conz (Mogadishu, 1955) after studying classical guitar with Paolo Paolini, and Renaissance and Baroque lute with Paul Beyer, Jakob Lindberg and Paul O’Dette, approaches composition first with Renato Dionisi, then with Nicola Straffelini and attending the masterclasses by Sandro Gorli and Gianvincenzo Cresta. To the interest of music, over the years he has also joined a long path of visual research with exhibitions in Italy (Naples, Venice Biennale, Mart) and abroad (Bratislava, Miami). Among his publications are the photographic volumes CNZRRT55DO9Z345Y (2000), TRA (2002), Mirame (2004), In tua assenza (2006) and, more recently, the essay Vortex Temporum (2019). For the record label A Simple Lunch he has published In tua assenza (8 stochastic variations for piano on Bach’s Goldberg Variations) and Lessico di Hiroshima (for piano, strings, electronics and reciting voice, on a text by Paolo Miorandi).